Seleziona una pagina

We were lucky enough to be in NYC and attend the opening of Mehryl Levisse’s first solo show ‘Birds Of A Feather Fly Together’ at Catinca Tabacaru Gallery. The event was a surreal immersion into Levisse’s very personal universe; a multilayered reality that merges childhood memories, the collective imaginary, dreams and intimate desires. And the more I learn about this universe the more I become amazed by the amount of cultural nuances and poignant details Levisse masterfully incorporates. In an almost oneiric manner, he covers the walls with three different patterns of kaleidoscopic wallpaper and four staged photographs filled with exquisite grotesque and pathetic intention . Six masks that merge aesthetics of BDSM, fin du siècle freak shows, theatre and Italian heritage are presented in podiums insinuating the legacy of the French Revolution decapitations as well as cannibal cultures around the world. This mise en scène has the magical effect of driving the audience to march around the masks as if they were Mayan totems to venerate. I was there and can say that I totally did it as well without even noticing.

Levisse’s imaginary originates in childhood. A child of an Italian and French family, he grew up in a little city in a northern region at the border of Belgium and France. His home remained intact throughout five generations, a space that maintained the wallpaper bursting with orange and blue flowers, the dolly on the table and many trinkets everywhere. This domestic space served as the foundation for his work. Levisse is then influenced by the culture he consumes in movies, books, music, news and daily life. “Everything I create is a mixture of a part of my life, memories, movies, music I’ve listened before. All elements feed into my universe and my personal vision of the body and the private space. In contrast, the space I live in must be empty and white; I cannot live in a full space I have too many patterns in my head, and need an empty space to sing and rest in order to imagine the new piece. I create the documentary of my life and body because all my ideas and pieces turn around the situations of my life.”

Entering his immersive environments, the spectator is transformed into a voyeur roaming Levisse’s mind, and both feels identified and amazed by his own interpretation of the very same world we all share. “I create my personal universe with lighting and mysterious ambiance that gives the public the feeling of being a voyeur, not invited. Especially with the photos, always in a closed space showing the body through the peephole.”

Just like Vincent Van Gogh “I dream my painting and I paint my dream” Levisse starts his pieces by dreaming about them. This can evolve into a six-month process in which he materializes the patterns and images that flood his mind into a staged dreamworld. “I would like to create the sensation for the audience of not entering an exhibition space but a dream or nightmare. For them to imagine that we have witch meetings at night.” Levisse’s intention is to spark the imagination of the spectator, proposing different scenes and possibilities that leave the final outcome to the viewer’s fantasy. The use of common ground aesthetics allows the audience to take ownership of the images in the exhibition and resolve their own personal experience. “I think everyone had at some point a grandmother or grandaunt with the same house since forever, and my work reminds them of their childhood. Yesterday an Italian couple walked into the exhibition and said: Oh my God, in Italy my grandma had the same wallpaper and this mask is exactly the portrait of my great-grandmother. I work with the memory of everyone.”

Such universality allows Mehryl Levisse’s art to exert a social influence. Acknowledging every artist’s obligation to be engaged with social causes, Levisse is subtle and suggestive in his approach to activism. “To show crying it’s no necessary to show the tears. To show the revolution it’s not necessary to show men with their arms in the air. To show sexuality it’s not necessary to show the sex. For me it’s better to suggest the possibility and let the brain of the audience imagine the aftermath of my work.” In particular, his engagement with the LGBTQ cause is apparent in Levisse’s work by the use of his own and his ex-boyfriend’s bodies as primary subject.

Levisse sees his working evolving into new mediums. The performance ‘Presence,’ shown for the first time during the opening, was the first step to incorporate dance and the inhabitants of his personal universe. “I have a need for pattern, and color everywhere, and I will use it more and more in the future. More patterns, more color, more mixture. On the floor, on the roof, everywhere with different patterns to create a dreamlike space where you don’t know if the floor is the roof or vice versa.” He will also continue to use his own body as subject for his work, creating a documentary of his life. The audience will have the opportunity to follow him as he ages and discover common customs like uses of color and patterns, getting to know him in his moods and through his life vicissitudes.

We cannot wait to immerse ourselves in Mehryl’s future oneiric worlds and get closer and closer to meeting him in his dreams.

 

Sara CatalánThe Overart

 

‘Le Lieu Reposé Du Chevreuil’ Photographic Caption

‘Faire Tapisserie’ Photographic Caption

‘La Monture’ Photographic Caption

 

image in cover: Installation shot of Mehryl Levisse’s first solo exhibition ‘Birds Of A Feather Fly Together’ at Catinca Tabacaru Gallery. 

 

ITA / Sara Catalán

Fortunati noi ad essere a NYC per potere assistere all’inaugurazione della prima mostra personale di Mehryl Levisse ‘Birds Of A Feather Fly Together’ a Catinca Tabacaru Gallery. L’installazione è un’immersione surreale nell’universo personale di Levisse; una realtà multidimensionale che fonde memorie d’infanzia, immaginari collettivi, sogni e desideri intimi. Quanto più imparo sul suo universo più mi sorprende la quantità di accenni culturali e particolari struggenti che Levisse magistralmente introduce. In un modo quasi onirico, copre le pareti di fantasie in carta caleidoscopica e quattro fotografie, dove usa il grotesque et pathetic in modo squisito. Al centro della mostra sei maschere combinano l’estetica di BDSM, i freak shows di fine secolo, il teatro e la tappezzeria della nonna. Con intenzione scultoria le maschere sono presentate in podi che insinuano il legato delle decapitazioni della Rivoluzione Francese e le culture cannibali in Africa. La messa in scena crea l’effetto magico di portare il pubblico a marciare intorno alle maschere come se fossero totem Maya da venerare. L’ho fatto anch’io senza neanche accorgermene!

L’immaginario di Levisse nasce dall’infanzia. L’artista è nato da una famiglia italiana e francese, in una piccola città settentrionale al confine tra il Belgio e la Francia. La casa famigliare rimase intatta per cinque generazioni, uno spazio che mantenne la carta da parati piena di fiori arancioni e blu, una bambola sul tavolo e un horror vacui ornamentale. Questo spazio domestico servì come base per il suo sviluppo come artista. Levisse è posteriormente influenzato da film, libri, musica, notizie e vita quotidiana. “Tutto ciò che creo è un mix della mia vita, ricordi, film, o musica. Tutti questi elementi alimentano il mio universo e la mia visione personale del corpo e dello spazio privato. In contrasto, lo spazio in cui vivo deve essere vuoto e bianco; Non posso vivere in uno spazio pieno, ho troppe immagini, modelli e fantasie nella mia testa. Ho bisogno di uno spazio vuoto per cantare, riposare e immaginare le mie nuove opere. Tutte le mie opere girano intorno a parti della mia vita, creando un documentario delle mie esperienze e il mio corpo”.

 Al sommergersi nel suo immaginario, lo spettatore si trasforma in un voyeur che vaga per la mente di Levisse, sentendosi contemporaneamente identificato e meravigliato dalla sua interpretazione del mondo. “Creo il mio universo personale con un’illuminazione e atmosfera misteriose che danno al pubblico la sensazione di essere un voyeur, non invitato. Questo è presente anche nelle foto che sono sempre sceneggiate in stanze chiuse, mostrando il corpo attraverso lo spioncino”.

Proprio come Vincent Van Gogh “Sogno il mio dipinto e dipingo il mio sogno” Levisse inizia le sue opere sognandole. Questo può evolvere in un processo di sei mesi in cui materializza le idee e immagini che inondano la sua mente. “Vorrei creare nel pubblico la sensazione di non entrare in uno spazio espositivo ma in un sogno o un incubo. Vorrei che immaginassero che celebriamo riunioni di streghe di notte. “L’intenzione di Levisse è di stimolare l’immaginazione dello spettatore, proponendo diverse scene e possibilità che lasciano il risultato finale alla propria fantasia. L’uso di un’estetica collettiva permette al pubblico di riconoscere e identificarsi con l’arte di Levisse e risolvere gli stimoli a modo suo. “Penso ad un certo punto tutti abbiamo avuto una nonna o una zia con una casa simile e la mia arte può ricordare la loro infanzia. Ieri una coppia italiana è entrata nell’esposizione dicendo – mia nonna aveva la stessa tappezzeria e questa maschera è esattamente il ritratto di mia bisnonna. – Lavoro con la memoria di tutti “.

Tale universalità consente all’arte di Mehryl Levisse di esercitare un’influenza sociale. Riconoscendo l’obbligo di ogni artista di coinvolgersi in cause sociali, Levisse è sottile e suggestivo nel suo approccio all’attivismo. “Per mostrare il pianto non è necessario mostrare le lacrime. Per mostrare la rivoluzione non è necessario mostrare uomini con le braccia per aria. Per mostrare la sessualità non è necessario mostrare il sesso. Per me è meglio suggerire le possibilità e lasciare che il pubblico risolva il significato individualmente. “In particolare, il suo impegno con la causa LGBTQ è presente nell’arte di Levisse grazie all’uso del suo corpo e quello del suo ex fidanzato come soggetti primari da fotografare.

Il lavoro di Levisse sta evolvendo nell’uso di nuovi mezzi. La performance ‘Presence’, mostrata per la prima volta durante l’inaugurazione di ‘Birds Of A Feather Fly Together’, è il primo passo per incorporare la danza e degli abitanti nel suo universo personale. “Ho bisogno di fantasie e di colore ovunque, e li userò sempre di più in futuro. Più fantasie, più colore, più fusione. Sul pavimento, sul tetto, ovunque con diverse fantasie per creare uno spazio surreale in cui non si capisca cos’è il pavimento è il tetto o viceversa “. Inoltre continuerà a usare il proprio corpo come soggetto del suo lavoro, creando un documentario della sua vita. Il pubblico avrà l’opportunità di seguirlo mentre invecchia e scoprire tendenze artistiche legate a stati d’animo e vicissitudini di vita.

Non vediamo l’ora di sommergerci nei prossimi mondi onirici di Mehryl e incontrarlo nei suoi sogni.

 

 

 

Pin It on Pinterest

Share This